Ricerca OAC – Organizzazione, apprendimento, competenze dei dipendenti pubblici

Obiettivo specifico

La ricerca si propone di individuare le competenze agite dai lavoratori del pubblico impiego, individuando modi e strumenti per rafforzarle e renderle maggiormente in grado di fronteggiare il cambiamento e favorire i percorsi di accrescimento professionale e la motivazione.

L’obiettivo è quello di delineare un quadro conoscitivo ampio e articolato sulle tendenze in questo settore, fornendo informazioni utili per orientare le politiche sul lavoro pubblico nella fase attuale di riforma della Pubblica Amministrazione.

 Risultati previsti

Per conseguire tale obiettivo, la ricerca ha previsto, come risultati attesi, l’approfondimento di vari aspetti,  tra cui: le caratteristiche sociali e professionali dei dipendenti pubblici; i percorsi di apprendimento e formazione; l’uso delle tecnologie informatiche e i relativi canali di apprendimento; il coinvolgimento e l’impegno verso l’amministrazione; i comportamenti organizzativi e le competenze agite; gli ambiti di responsabilità e discrezionalità; le modalità di comunicazione interna e le pratiche di partecipazione nei diversi contesti organizzativi; la valutazione delle prestazioni; le aree del lavoro ad alta performance; i cambiamenti  nella prestazione lavorativa negli ultimi 5 anni; il punto di vista dei dipendenti sulle riforme necessarie.

Tra i risultati attesi, vi è stato anche quello di una specifica indagine, nell’ambito del programma EUPAN, sui paesi della Unione europea, finalizzata a un confronto tra i diversi modelli seguiti per la gestione delle competenze dei dipendenti pubblici.

Attività

Le attività poste in essere hanno riguardato diversi filoni di indagine, tra essi complementari: una rilevazione a livello nazionale su un campione rappresentativo di dipendenti pubblici; dieci studi di caso su dipendenti della PA centrale; un confronto tra i dati dell’indagine OAC PA con quelli raccolti dall’Isfol attraverso una analoga rilevazione realizzata sui lavoratori del settore privato nel 2006-2008; l’indagine EUPAN sui paesi aderenti (o in preadesione) alla UE.

Modalità di attuazione

L’indagine campionaria ha coinvolto 203 amministrazioni dei diversi settori della PA (PA centrale e Organi costituzionali; Enti pubblici e Agenzie; Regioni e Province autonome, Amministrazioni Provinciali, enti Regionali; Autorità d'ambito e portuali; Amministrazioni Comunali, altre amministrazioni locali;  Aziende sanitarie e ospedaliere;  Università e Istituti di ricerca; Scuola). I dipendenti intervistati, in modalità Capi, sono stati 1.983. L’indagine qualitativa è stata svolta attraverso intervista in profondità a 10 dipendenti pubblici. Il confronto OAC PA e OAC settore privato si è avvalsa della collaborazione dell’Isfol, che ha anche collaborato all’adattamento alle specifiche caratteristiche del settore pubblico del questionario OAC utilizzato per l’indagine sul lavoro privato.

Contributi sono stati forniti, attraverso un apposito Comitato tecnico scientifico, anche dalla SNA, INPS ex Indap, Istat, Università di Tor Vergata. Al questionario EUPAN, hanno risposto le Funzioni pubbliche dei diversi paesi europei alle quali i risultati dell’indagine sono stati presentati nel corso di incontri organizzati dal DFP in occasione del semestre di presidenza italiana della UE.

Data Inizio: 
02/02/2012
Data Fine: 
05/12/2014
Destinatari: 

P.A. Centrale e periferica

Ambito Territoriale: 
Fonte di finanziamento: 
Fondi Nazionali
Responsabile Progetto: 
Nicoletta Bevilacqua